Serdakh – una ricetta per la pace

serdakh melanzane e pomodoro
Serdakh (melanzane e pomodoro) _ immagine soggetta a Copyright

Quando ho scelto questa ricetta di Olia Hercules, l’ho subito visualizzata al centro di una tavola, con tante mani che affondano pezzi di pane dentro la pentola per raccogliere il sugo e godere di questa prelibatezza fino in fondo, fino all’ultimo morso. Ho immaginato una grande pentola conviviale, in balia di mani e sorrisi amici e un gran chiacchiericcio e risate di sottofondo.

La vita di ogni essere umano dovrebbe essere così, il più possibile serena dove la guerra è un brutto ricordo da leggere solo nei libri di storia – purtroppo, oggi, la realtà in Ucraina è terrore e devastazione. 

E’ per questo che ho deciso di aderire all’iniziativa di #cookforpeace e #cookforukraine, sostenendo la popolazione Ucraina che necessita di tutto. Ho deciso di donare una somma alla raccolta fondi di Olia Hercules, per essere una delle piccole gocce d’acqua che insieme possono far fiorire deserto.

Nel mio piccolo voglio fare, agire, e ringrazio @angelafrenda, @cook.corriere e tutte le amiche del Women Cookbook Club che mi hanno fatto conoscere questa possibilità di aiuto concreta.

Se lo desideri, unisciti anche tu a #cookforpeace e #cookforukrine, quello che succede oggi in Ucraina può benissimo accadere a noi, anche se siamo nel 2022 e nessuno vuole la guerra … ma nella realtà la guerra esiste e non conosce pietà. 

ecco i dati:

Bank: Intesa SanPaolo

Intestato a : UN AIUTO SUBITO – UCRAINA

Iban: IT08L0306909606100000185871

Per questa iniziativa volevo una ricetta che fosse il più possibile inclusiva, così la mia scelta è ricaduta su una ricetta vegetariana e molto familiare nei sapori. 

Oggi cuciniamo la  SERDAKH, una deliziosa pentola di melanzane cotte con pomodori freschi e una cascata di prezzemolo e basilico. Al palato è burrosa mentre il pomodoro abbraccia ogni sapore e consistenza. Una ricetta facilissima adatta anche a chi ha poca dimestichezza con i fornelli, ottima per la bella stagione che sta arrivando.

Ingredienti per 6 persone: 

6 melanzane piccole o 3 grandi

6 pomodori, tagliati a metà all’equatore

10 spicchi d’aglio, sbucciati e tritati grossolanamente

100 ml di burro chiarificato (sono circa 100 gr)

200 ml di acqua o brodo vegetale (o pollo).

sale e pepe q.b.

una ciuffo di prezzemolo e basilico tritato

1) Se si utilizzano melanzane novelle, fai due incisioni come se si volesse tagliarle in quattro per il lungo, ma non tagliare fino alla fine. Quindi cospargere di sale all’interno delle incisioni e lasciarle in uno scolapasta. Se usi melanzane grandi, affettatele per il lungo in 4 spicchi. Fai scolare per un’ora.

2) A questo punto scalda 2 cucchiai di burro chiarificato in un tegame dal fondo spesso e rosola le melanzane finché non saranno ben dorate dappertutto. La pelle si formerà delle vesciche e la polpa bianca diventerà dorata e croccante. Metti da parte e non pulire la pentola.

3) Nella stessa padella scaldate ora altri 2 cucchiai di burro e aggiungi i pomodori con la parte tagliata verso il basso. Cuocili solo da quel lato a fuoco vivo fino a quando non prendono un po’ di colore e la buccia diventa rugosa. Usando delle pinze, togli la pelle ai pomodori. Togli i pomodori dal tegame, mettili da parte e non pulire la pentola.

4) Nella stessa padella scalda altri 2 cucchiai di burro chiarificato e, a fuoco medio, soffriggere l’aglio. Non ti preoccupare, l’aglio non è troppo! Continua a mescolare fino a dorarlo, ma fai attenzione a non bruciarlo. Inclina la pentola in modo che il burro e l’aglio si raccolgano in un angolo, in questo modo non si brucerà. Ci vorranno circa 2-5 minuti. L’odore sarà incredibile man mano che l’aglio perde la sua asprezza e diventa morbido, dolce e delicatamente caramellato.

5) Ora rimetti in padella le melanzane e i pomodori e aggiungi il liquido. Prova il brodo di pollo se non sei vegetariano: aggiunge uno strato di sapore in più. L’acqua va assolutamente bene se vuoi che rimanga il più neutro possibile. Aggiusta con sale e pepe e fai cuocere a fuoco medio-basso per circa 20/30 minuti. Servire con pezzi di pane, focaccia o riso semplice e non dimenticarti di aggiungere una generosa manciata di prezzemolo e basilico tritato.

Ricetta di Olia Hercules dal suo libro Kaukasis: A Culinary Journey Through Georgia, Azerbaijan & Beyond – ricetta presa dal sito http://www.oliahercules.com

Seguimi su instagram: https://www.instagram.com/foodandlifeblog/

Pomodori ripieni di pomodoro

Sembra un gioco di parole ma non lo è.
Avevo voglia di pomodori al forno, ma non volevo la pesantezza del ripieno di carne o riso, così ho pensato di rendere la polpa di pomodoro della consistenza giusta per essere ritenuta un degno ripieno. Il risultato è ormai leggenda.

Pomodori (al forno) ripieni di pomodoro

Pomodori (al forno) ripieni di pomodoro _ immagine soggetta a Copyright.

Ingredienti per 4/8 persone:

8 pomodori ramati (circa 1,250 kg)
1 spicchio d’aglio
8 foglie di basilico grandi
1 cucchiaio di olio evo
45 gr di formaggio grana grattugiato
4 cucchiai di prezzemolo tritato
85 gr di pangrattato
4 pizzichi di sale
1 pizzico di pepe
sale q.b. per drenare i pomodori
olio evo q.b. per la cottura

  •  lava i pomodori, taglia le calotte con il picciolo (da conservare per la cottura) e con l’aiuto di un cucchiaino svuotali e versa la polpa ed il succo compresi i semi in un mixer. 
  • cospargi l’interno dei pomodori con un po’ di sale e mettili a riposare a testa in giù per far drenare l’acqua di vegetazione.
  • aggiungi alla polpa di pomodoro nel mixer l’aglio a pezzettini, le foglie di basilico spezzettate, l’olio evo, sale e pepe. Accendi il mixer alla massima potenza per qualche minuto.
  • versa la crema di pomodoro ottenuta in una ciotola ed incorpora uno alla volta il formaggio grattugiato, il prezzemolo tritato e il pangrattato. Fai riposare per circa 10 minuti.
  • riempi i pomodori con l’impasto e chiudili con le calotte che hai tenuto da parte. Disponili in una teglia rivestita di carta forno e cospargili con un pò di olio evo. Inforna a 200° – ventilato su griglia – per 30 minuti. Servire tiepido e temperatura ambiente.
  • Note: a fine cottura, con l’aiuto di un cucchiaio o di una siringa da cucina, preleva l’acqua che i pomodori hanno rilasciato durante la cottura.

Tian di zucca e formaggio

Finalmente è arrivato l’autunno, con i suoi primi freddi e incantevoli colori.
Mentre cammino su strade bagnate e foglie ingiallite, sento l’odore di caldarroste e pregusto il tepore di casa al mio rientro. Cammino più veloce, non vedo l’ora di rientrare, ho una ricetta nel cuore e negli occhi un sorriso che mi aspetta, e se sono fortunata, delle fusa solo per me.

Tian_di_zucca_formaggio_patata_americana

Tian di zucca e formaggio

Ingredienti per 4 monoporzioni:

380 gr di zucca già mondata e pronta all’uso
450 gr di patate americane (circa due medie)
200 gr di formaggio pecorino toscano o provolone piccante
2 rametti di rosmarino
2 cucchiai di grana padano grattugiato
burro q.b.
sale e pepe q.b.

  • Cuoci la zucca in forno a 200° per 40 minuti – forno statico, e metti da parte.
  • Mentre cuoce la zucca, lessa le patate americane in acqua bollente, una volta cotte, sbucciale e mettile da.
  • Taglia a fettine dello stesso spessore la zucca, le patate americane ed il formaggio, poi riempi 4 contenitori monoporzione (da forno) precedentemente imburrati.
  • Aggiusta di sale e pepe e cospargi la superficie con il grana padano grattugiato e con il rosmarino tritato al coltello.
  • Guarnisci con qualche ricciolino di burro e inforna a 180° per 15 minuti – forno statico + 3 minuti di grill per dorare la superficie.

Note: Le patate americane possono essere sostituite con le patate normali. Un’ottima idea è sostituire il formaggio che ti ho proposto con del formaggio verde o formaggi dal gusto forte e pungente.

Se ti è piaciuta questa ricetta, condividila con i tuoi amici.
Se ti è piaciuta questa Tian di Zucca e Formaggio, prova anche questa ricetta: Lasagna con zucca e salsiccia

Radicchio in agrodolce al forno

Il radicchio è un prodotto di stagione versatile ma spesso sottovalutato.
Con questa ricetta ho voluto dare un tocco d’originalità a questo ortaggio dal color rubino e renderlo amabile anche a chi non ama quel suo gusto amarognolo.
Il bello di questa ricetta è che potete utilizzarla come antipasto o come contorno per occasioni speciali.

Radicchio di Treviso tardivo in agrodolce al forno

Copyright immagine foodandlifeblog.com

 

Ingredienti per 4 persone:
3 cespi di radicchio di Treviso tardivo
3 cucchiai di aceto balsamico
8 cucchiai di olio e.v.o.
sale e pepe q.b.
2 cucchiaini di miele millefiori o acacia
12 fette di pancetta affumicata
1 melagrana sgranata

  • Lava sotto l’acqua corrente i cespi di radicchio, asciugali e tagliali in quarti.
  • In una terrina emulsiona con una frusta da cucina l’olio, l’aceto, sale, pepe e il miele.
  • Immergi i quarti di radicchio nell’emulsione cercando di far aderire il condimento in tutte le foglie. Fai sgocciolare l’eccesso di condimento e adagia il radicchio in una teglia rivestita di carta da forno. Arrotola una fetta di pancetta ad ogni quarto di radicchio e inforna a 180° per 15 minuti.
  • Servi il radicchio caldo e decoralo con qualche chicco di melagrana che, oltre ad esaltare il colore darà al piatto una nota di freschezza.

Insalata di finocchio, arance e noci

La ricetta perfetta per un contorno facile e veloce per il pranzo di Natale.

SONY DSC

Ingredienti per 2 persone:
1 finocchio grande
2 arance bionde + 1/2 arancia bionda per il succo
50 gr. di gherigli di noci
4 cucchiai di olio e.v.o.
1 cucchiaio di aceto di mele
sale e pepe q.b.

– Lava e affetta il finocchio finemente e adagialo su un piatto da portata.
– Pela con il coltello due arance e ricavane degli spicchi di sola polpa che dovranno essere senza la pelle ed eventuali ossicini.
– Decora il finocchio con gli spicchi d’arancia e cospargilo con i gherigli di noci sbriciolati a mano.
– Prepara la vinaigrette*: emulsiona* 4 cucchiai d’olio e.v.o. con un cucchiaio di aceto di mele, il succo di 1/2 arancia filtrato e sale e pepe a tuo piacimento.
– Condisci l’insalata di finocchio con la vinaigrette e servi.
(* vedi sezione “parole in cucina” del blog)

Padellata d’asparagi con uova in camicia

Copyright foto: foodandlifeblog.wordpress.com

Copyright foto: foodandlifeblog.wordpress.com

Tempo d’asparagi.
Finalmente la natura ci offre questo ortaggio meraviglioso, particolare e gustoso.
Voglio proporvi questa ricetta veramente facile, che permette di gustare l’asparago in modo diverso (generalmente viene servito lesso) ed è la base perfetta per un risotto o una pasta all’uovo saltata in padella. Provatela, non ve ne pentirete!

Ingredienti per 2 persone:
450 gr d’aspargi misti (circa 5 asparagi bianchi e 5 asparagi verdi)
1 cipollotto (circa 30 gr)
15 gr burro
50 ml vino bianco
2 cucchiai di olio e.v.o.
sale e pepe q.b.

Per le uova in camicia:
4 uova
1,5 lt d’acqua per la cottura delle uova
1 cucchiaio d’aceto bianco
sale e pepe q.b.

– In una padella capiente fai soffriggere il cippollotto tritato con l’olio, una volta imbiondito aggiungi gli asparagi pelati e tagliati diagonalmente, poi sfuma con il vino a fuoco vivace. Una volta evaporato il vino abbassa la fiamma, aggiusta di sale e pepe a tuo piacimento e procedi la cottura per circa 20 minuti. Una volta cotti gli asparagi, manteca con il pezzetto di burro a fuoco spento.

– A metà cottura degli asparagi fai bollire una pentola d’acqua con circa 1,5 lt d’acqua e il cucchiaio d’aceto, nel frattempo rompi un uovo in una tazzina o una ciotolina. Quando l’acqua bolle, con l’aiuto di un cucchiaio crea un vortice nella pentola mescolando l’acqua in senso orario; a questo punto versa l’uovo al centro del vortice e delicatamente agevola la formazione della “camicia” con la punta del cucchiaio. Passati due/tre minuti l’uovo si sarà addensato e potrai scolarlo con una schiumarola e farlo asciugare su un tagliere. Ripeti l’operazione per tutte le uova.

– Servi gli asparagi caldi con sopra l’uovo in camicia spolverato di sale e pepe.

 

Timballo di zucchine e patate

SONY DSC

Ecco una ricettina che mi piace tanto, perché non si pesano gli ingredienti e soprattutto è una di quelle che io chiamo “svuota frigo”.
Un pomeriggio apro il frigorifero e vedo qualche zucchina non proprio bella, delle cipolle a pois e del formaggio che stava per scadere. La domanda sorse spontanea: “cosa ne faccio?”. Risposta: un timballo! … in casa Ribuffo non si butta via niente!

Ingredienti per 6 persone (pirofila cm 17×25 circa):

3 patate grandi
1 cipolla bianca
3 zucchine grandi
1 confezione monoporzione di ricotta (100 gr)
4 cucchiai generosi di grana padano
1 pezzetto di burro
1 spicchio d’aglio
vino bianco secco q.b.
sale e pepe q.b.

– Con una mandolini taglia a fette da circa mezzo centimetro le patate lavate e pelate, poi tuffale in acqua bollente salata per circa 3 minuti, scolale in un recipiente pieno d’acqua fredda e mettile da parte.
– In una padella scalda l’olio d’oliva con lo spicchio d’aglio intero e la cipolla affettata, fai saltare le zucchine grattugiate, insaporisci con sale e pepe a tuo piacimento, sfuma con il vino bianco e falle asciugare a fuoco medio per al massimo 10 minuti (le zucchine devono perdere l’acqua di cottura). Una volta pronte spegni il fuoco, togli lo spicchio d’aglio e incorpora la ricotta.
– Imburra leggermente una pirofila da forno, fai uno strato con metà delle patate e aggiustale di sale e pepe sulla superficie. Procedi facendo uno strato con le zucchine e infine un ultimo strato con le patate rimaste che cospargerai con il grana e qualche fiocchetto di burro.
– informa a 180° per 30/40 minuti. Servire caldo o tiepido.

CARCIOFI ALLA ROMANA

SONY DSC

Ingredienti per 4 persone (2 carciofi cad.):

8 carciofi mammole
2 dl olio extra vergine d’oliva
1 limone
50 gr pangrattato
1 spicchio d’aglio
2 cucchiai di mentuccia
3 cucchiai di prezzemolo
acqua q.b.

– Come prima cosa pulisci i carciofi: togli le foglie esterne più dure, con un coltellino affilato pulisci e livella la base del carciofo facendo un movimento circolare e sfoltisci la parte esterna dei gambi che taglierai lasciandone solo 4 centimetri. Procedi allargando le foglie dei carciofi con le mani in modo da poter togliere la barbetta presente all’interno, poi taglia di netto le punte delle foglie.  Metti i carciofi puliti in una bacinella con dell’acqua dove avrai spremuto il limone, e lasciali in bagno per qualche minuto.
– Nel frattempo trita insieme l’aglio, la mentuccia ed il prezzemolo. Poi aggiungi il pangrattato, un filo d’olio ed un pizzico di sale.
– con l’aiuto di un cucchiaino, riempi i carciofi, che hai precedentemente allargato, con la farcia di pangrattato ed erbette ottenuta.
– Sala i carciofi in superficie e mettili a testa in giù in un tegame antiaderente bagnandoli con l’olio restante e falli scottare per un paio di minuti, quindi aggiungi acqua fino alla meta’ della testa del carciofo.
– I carciofi sono cotti dopo 30 minuti a fuoco moderato, ma verifica la cottura pungendoli con una forchetta per testarne la morbidezza. Servili caldi con un po’ del fondo di cottura.

PEPERONI RIPIENI VEGETARIANI

SONY DSC

 

Questa ricetta è ideale per chi non ama pesare gli ingredienti, ma per i più pignoli (io appartengo a questa categoria) ho messo tra parentesi i dosaggi di riferimento … giusto per capire le proporzioni.

Ingredienti per 4 persone:

4 peperoni corno gialli e rossi (650 gr)

1 patata grande ( 320 gr)

2 porri grandi (950 gr)

100 gr di ricotta (una vaschetta mono porzione)

1 spicchio d’aglio

3 cucchiai di vino bianco secco da tavola

1 uovo

un mazzetto di prezzemolo (10 gr)

2 cucchiai di olio d’oliva

sale e pepe q.b.

– Lava i peperoni, taglia la calotta e mettila da parte e priva l’interno dei filamenti bianchi e dei semini facendo attenzione a non romperli. I peperoni devono rimanere interi perché saranno il contenitore naturale del ripieno.

– Lava e lessa la patata in abbondante acqua, poi sbucciala e schiacciala con uno schiacciapatate.

– Nel frattempo fai scaldare in un una padella due cucchiai d’olio con uno spicchio d’aglio e rosola i porri precedentemente lavati e tritati grossolanamente, sfuma con il vino bianco e aggiungi un pizzico di sale e pepe. Procedi con la cottura per circa 10 minuti.

– in un recipiente amalgama le patate schiacciate con la ricotta, aggiungi i porri senza lo spicchio d’aglio, il prezzemolo tritato, l’uovo intero e aggiusta di sale e pepe a tuo piacimento.

– con l’aiuto di un saccapoche riempi i peperoni con il composto ottenuto di patate e porri. Chiudi i peperoni con la loro calotta e adagiali su una teglia da forno rivestita di carta da forno. Cospargi i peperoni con un filo d’olio e un pizzico di sale.

– inforna a 180° per 50-60 minuti e servi caldo.

Consiglio: per mantenere ben chiusi i peperoni durante la cottura aiutati con degli stecchini di legno.